Obiettivi

Il GRIDS intende promuovere ricerche e studi in merito a:

  • epistemologie presenti nel campo educativo e sociale relative alle differenze e alla disabilità;
  • rapporto fra le epistemologie, l’organizzazione, i percorsi formativi e le pratiche all’interno dei servizi, della scuola e dell’Università;
  • rapporto fra epistemologie e formazione;
  • mutamento, mantenimento e mimetismo delle epistemologie con particolare riferimento alla logica speciale e di integrazione;
  • caratterizzazioni culturali delle differenze e della disabilità, le loro rappresentazioni e l’influenza dei sistemi diagnostico-normativo nella costruzione di categorie;
  • percezioni, significati e senso che le persone definite disabili o di diversa cultura o marginalizzate attribuiscono alla loro esperienza;
  • percezioni, significati e senso che il contesto familiare attribuisce alla disabilità del figlio/a;
  • ruolo disabilitante delle istituzioni e dei contesti di vita;
  • ruolo del linguaggio nei processi di categorizzazione e di ‘disabilitazione’;
  • influenza dei vecchi e nuovi media e dei social network nei processi di inclusione e di esclusione;
  • storia dei movimenti delle persone disabili e della loro partecipazione attiva alla vita sociale

In questa dimensione trovano spazio gli interrogativi inclusivi che, in un gioco di specchi, riflettono i processi di esclusione e di emarginazione:

Come si costruiscono e si definiscono le appartenenze sociali ed istituzionali (compresa la scuola)?
Attraverso quali processi le persone e gruppi specifici possono costruire ed esprimere orizzonti di senso nelle interazioni di questi sistemi?
Quali traiettorie di esperienza e di vita sono possibili?
Quali sono le forme attraverso cui si concretizzano?
Quali sono i processi di esclusione e di discriminazione ancora in atto oggi?

I problemi ora posti rendono immediatamente evidenti le relazioni fra inclusione, l’idea di giustizia sociale e le politiche di cittadinanza; relazioni che attuano un cambiamento di prospettiva passando dalla integrazione di una specifica differenza in contesti dati ai processi di appartenenza nei quali si esprimono interazioni ecologiche fra istituzioni, culture, persone, storie, esperienze e contesti.

In questa prospettiva si cercherà di far emergere la saldatura fra i diversi processi (formativi, educativi e scolastici, quelli sociali e delle politiche ad essi legate) nei quali si costruiscono le appartenenze sociali ed istituzionali, nonché il ruolo delle idee, dei linguaggi, delle rappresentazioni e delle pratiche nella costruzione di queste saldature.